AltreVoci Edizioni è contro l’editoria a pagamento, e ai suoi autori chiede solamente collaborazione nelle varie fasi di sviluppo e promozione del libro, sorrisi, qualche foto, ma mai un singolo euro.

Cos’è l’editoria a pagamento?

Quando un editore chiede a un suo autore di contribuire alle spese di pubblicazione direttamente (con denaro) o indirettamente (con l’obbligo di acquisto di copie del libro, a prezzo scontato o meno), si tratta di Editoria a Pagamento (EAP).

Come funziona la “trappola” dell’editoria a pagamento?

Facciamo due conti: diciamo che far stampare cinquecento copie di un libro costa approssimativamente mille euro in tipografia (la cifra è solo indicativa ma realistica). La persona che si fa chiamare “editore”, svilendone in questo modo il nome, costringe l’autore da contratto a versare mille euro per la pubblicazione o a comprare cento copie a 10€ ciascuna, e in questo modo ha già coperto del tutto le sue spese di stampa. Ma perché stampare cinquecento copie di un libro che probabilmente non vedrà mai gli scaffali di una libreria? Quindi ne fa stampare solo cento, quelle che darà all’autore, e si tiene il resto del soldi. Ovviamente non farà né editing né promozione, attività che richiedono tempo, impegno e denaro.

In questo modo l’autore, un po’ ingenuo e un po’ vanitoso, avrà la soddisfazione di avere il libro con il suo nome in copertina, e l’editore avrà già guadagnato e può passare alla “trappola seguente”.

L’editore a pagamento, insomma, non guadagna dai libri che ha venduto ai lettori, ma dai libri che ha venduto all’autore.

No, no e ancora no!

Il compito dell’autore è scrivere un buon testo, metterci passione, andare alle presentazioni, firmare copie, sorridere e godersi i frutti, economici e non, della propria creatività.

È invece compito dell’editore assumersi il rischio imprenditoriale di prendere quel testo e trasformarlo in un “prodotto-libro”, bello da leggere e facile da vendere, e questo vuol dire editarlo in maniera impeccabile, impaginarlo a prova di OCD, trovargli una copertina accattivante e a volte anche un titolo se non c’è già, decidere come promuoverlo, farlo leggere a recensori e riviste, presentarlo, organizzare eventi, interviste. È un lavoro che richiede tempo, professionalità, competenza, impegno e, non ultimo, anche denaro. Denaro che non può e non deve mai uscire dalle tasche dell’autore.

Un consiglio

Cari scrittori o aspiranti tali, noi di AltreVoci Edizioni vi diamo questo consiglio: scegliete con cura l’editore a cui affidare il vostro testo, ce ne sono tanti che lavorano bene. Forse potreste essere rifiutati, forse potremmo persino essere noi a rifiutarvi, ma insistete, se è questa la vostra strada. Ma se un editore inizia a farvi troppi complimenti, vi dice che il vostro testo è un “capolavoro”, che non vede l’ora di pubblicarvi… assicuratevi prima che lo abbia letto. E se vi chiede di comprare anche solo una copia del vostro libro, scappate a gambe levate, senza voltarvi indietro.


Per altre parole sull’editoria a pagamento, leggi anche il nostro articolo del blog, Cinque buoni motivi per evitare l’editoria a pagamento.